Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente all'utilizzo. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.

Underwood Special Typewriter

Under

Anno di produzione: 1900

Nazione provenienza: U.S.A.

Inventore: Franz X. Wagner

Produttore: Wagner Typewriter Co

Costruita da Franz Xaver Wagner, un  tedesco, al cui nome venne rilasciato il brevetto del 27.4.1893 e che fondò la Wagner Typewriter Co. che si occupò solo di apportare migliorie alla macchina.
Alla costruzione parteciparono anche F.A. Young che era già noto con Wagner dall'epoca di Densmore (mori il 2 luglio  1937 a ottant'anni) e John E. Thomas che entrò come socio alla Underwood nel 1897 per costruire successivamente la Stearns. Il diritto di costruzione della macchina di Wagner venne venduto a John T. Underwood figlio del noto fabbricante di nastri per macchine John Underwood. Il suo interesse per le macchine per scrivere fu provocato da questo curioso incidente: Underwood sr. inviò un giorno suo figlio alla Soc.Remington per ricevere l'ordine per le nuove forniture di nastri ma gli venne detto che i nastri Li avrebbero fabbricati direttamente per conto proprio. Al che lui rispose prontamente: "Bene, allora noi costruiremo le nostre macchine per scrivere!". A quell'epoca non immaginava certamente che con questa sua veloce risposta, dettata soprattutto dalla rabbia, stava ponendo la prima pietra di una ricchezza destinata a diventare leggendaria.  Nel marzo del 1895 fondò a New Jork la Underwood Typewriter Co. e nella Hudson Street allest un piccolo laboratorio  per la  produzione di macchine. Le prime Underwood vennero prodotte dalla Lambert & Edgar Co. in una piccola officina in Center Street.  I  titolari  non  immaginavano assolutamente quello che veniva loro richiesto: si erano impegnati a costruire 1000 macchine ad un prezzo talmente basso che successivamente maledissero il giorno in cui avevano sentito parlare per la prima volta di una macchina a scrittura visibile. Nel 1896 la fabbricazione venne spostata a Bayonne, N.J. e nel 1899 ad Hartford, Conn. La  Underwood fu la prima macchina per scrivere a martelletti con scrittura  visibile che raggiunse un notevole successo, non che la visibilità dello scritto costituisse la cosa essenziale perchè‚ già prima della Underwood erano state costruite macchine con buona visibilità di scrittura. La caratteristica più importante in  questa macchina era l'interleva che collegando leve portacaratteri e leve dei tasti consentiva l'oscillazione quasi senza frizione del martelletto verso la parte anteriore  del rullo: invenzione del figlio di  Wagner,Hermann. Riuscire a migliorare le macchine per scrivere americane, già sul mercato a quell'epoca, non fu certo prestazione da poco e per noi tedeschi fu  molto importante che queste migliorie fossero appunto inventate da un connazionale. L'interleva di Wagner e altri dispositivi da lui inventati servirono da modello a molti fabbricanti di macchine per scrivere americani e tedeschi che dovettero pertanto pagare licenze alla Underwood, società  veramente antesignana in questo campo. Leve simili erano gia note nel campo  della meccanica però furono usate  per la prima volta nelle macchine per scrivere perl'appunto da Wagner. Le interleve sono in grado di accelerare il movimento dei  martelletti e rendono di conseguenza molto facile la battuta dei tasti soprattutto all'inizio. La guida dei martelletti in fessure era gia nota dai tempi della macchina di Sholes e anche la Hartford International e la Williams avevano adottato simili guide dei martelletti. Il matelletto piatto veniva già usato nella Bar-Lock ma mentre qui troviamo singoli caratteri con fusto conico, nella
Underwood vengono impiegati caratteri a fessura, saldati, secondo il tipo della Williams. I martelletti, dotati di una gola di rinforzo, passano attraverso le tasche del segmento e sono sospesi in quel punto ad  un filo metallico. Premendo i tasti la leva viene tirata nella sua parte  esterna verso il basso sollevando l'altra estremità, su  cui si trova il carattere, provocando altresì la battuta contro  il  rullo.
Per quanto completa sembrasse la Underwood, fin dal primo giorno della sua comparsa, presentava pur sempre i difetti tipici di ogni sistema che deve passare dalla fase sperimentale  all'uso pratico.

I martelletti della Underwood Mod. 1 e Underwood Mod. 2 erano troppo deboli, inoltre vi era tutta una serie di altri particolari da correggere cosa che avvenne con i Modelli Underwood n.4 e Underwood n.5 (1900); ora i guidacarta superiori si muovevano su un'asticciola situata trasversalmente al di sopra del rullo e perciò si poteva scrivere anche su cartoline, buste o formati di carta molto sottili.La leva dell'interlinea venne migliorata, il comando a coltelli sostituito con uno a ruota mentre il tasto di ritorno e il ritorno automatico del nastro furono successive innovazioni. Questi i vari modelli:
Underwood Mod. 1  e Underwood n.2 (1896) che si distinguono per il  numero di tasti: rispettivamente 38 e 42;
Underwood Mod. 3, e Underwood n.4 e Underwood n.5 (1900) dotati  di un  carrello più largo.
Il Mod.5 costava pertanto $ 102,50 e rimase  sul mercato per ben trent'anni fino alla comparsa (1931) della Underwood Mod. 6 con tabulatore incorporato i cui tasti erano posti al di sopra della fila dei numeri. Migliorie sono state apportate al meccanismo del nastro, ai fissamargini, alle leve dei tasti,leva di regolazione delle righe, allo sblocca margine, cursori, guide del carrello, bobine, reggicarta, piedini in gomma, ecc. La struttora ora è più bassa il che migliora notevolmente la visibilità dello scritto.
Successivamente il modello venne  dotato di incolonnatore e su  richiesta anche di tabulare decimale a 6 o 10 tasti. La tastiera venne migliorata con tasti antiriflesso leggermente incavati verso l'interno che perciò si adattavano meglio alla punta delle dita.

Nella Underwood-Spezial, un modello particolare di Underwood, il rumore è ridotto veramente al minimo in quanto tutte le parti importanti sono state schermate con strisce di feltro. Anche il carrello scorre con meno rumore e senza frizione inutile.


Nel 1935 comparve il  modello Master o dell'Anniversario in cui il gioco dei martelletti era sottratto alla vista di chi scrive. La macchina ora  ha  tasti di bachelite neri, antiriflesso, una barra per l'incolonnatore, al di sopra dei tasti dei numeri, per poter usare indifferentemente la mano destra o la sinistra, ha un tabulatore decimale a 12  tasti, regolazione  di battuta  per  i singoli  tasti e  nel loro insieme. Questo modello è dotato di un dispositivo di trasporto detto ritmico che consente il trasporto del cestello delle leve a bassissimo rumore anche se viene ancorato fissamente nelle due posizioni che può assumere; di rotaie dotate di cuscinetti a sfera che consentono una perfetta linearità anche dopo anni di lavoro. La battuta di questa macchina è molto dolce, ritmica e consente una velocità di scrittura ancora superiore. La carrozzeria è chiusa su tutti i lati anche posteriormente.
La  Underwood  portatile (1919) a tre file di tasti è una riduzione della macchina standard. Tutte le parti sono state  costruite con l'estrema cura tipica della Underwood in tutti i suoi modelli il che garantisce la robustezza di tutta la struttura mentre le parti soggette a notevole carico presentano costolature di rinforzo. Ingombro della macchina:cm 30 x 9 x  21; peso: con valigetta kg. 4, senza kg 3.
Nel 1926 comparve sul mercato la Underwood-piccola a 4 file con telaio in  metallo leggero in un  unico  pezzo. Per  poter accedere al suo interno è necessario allentare tre viti. Questa macchina è dotata di una manopola sul rullo, di segmento posto verticalmente di dispositivo automatico di inversione del nastro di movimento silenzioso del carrello ecc. Prezzo originario RM 265, più tardi  234 compresa la valigetta
Nel 1933 venne  costruita anche la  Underwood portable jr al prezzo di RM 155 che è il modello semplificato della Underwood-piccola a 42 tasti. Ha soltanto una manopola del rullo, un unico marginatore, nastro monocolore la cui inversione avviene manualmente ed un unico trasportatore. Dal 1937 viene venduta con le bobine del nastro coperte.
Quando lavora la macchina è ancora più silenziosa degli altri modelli e più protetta dalla polvere.  
Esistono i seguenti 5 modelli: Champion $ 64,50, Universal  $ 54,50, Student $  42,50, la portatile Leader a $ 39,50 e la Ace a $ 44,50 vennero costruite originariamente ad Hartford e
più tardi a Bridgeport. La Underwood-Soundproof (1922) è la Underwood Mod. 5 inserita in una  valigetta che attutisce il rumore