Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente all'utilizzo. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.

Triumph

 

Anno di produzione: 1902

Nazione provenienza: Germania

Inventore: Paul Grutzmann

Produttore:  Triumphfahrradwerke S.p.A. di Norimberga fondata nel 1896 dalla Triumph Cycle Works Ltd. di Coventry

La Triumph deriva dalla Norica, alla quale non assomiglia, perchè‚ il suo costruttore cedette i diritti di produzione allaTriumphfahrradwerke S.p.A. di Norimberga la quale cambiò poi il nome successivamente in Triumphwerke Norimberga S.p.A. e produsse oltre alle macchine per scrivere biciclette e motociclette. La Norica non ebbe un gran successo e venne presto modificata daG Paul Grutzmann. E'una macchina a 4 file di tasti, con martelletti, segmento, anello di rimbalzo, guidacaratteri, allineatore del tipo della Underwood di Wagner, 44 tasti, 2 trasportatori, fissamaiuscole e tasto di ritorno. Il trasporto del nastro avviene premendo uno dei due pulsanti che sporgono lateralmente alla macchina l'avvolgimento usando  una apposita manovella. Il suono del campanello si ripete a intervalli da 4 a 6 caratteri finchè‚ avviene il ritorno  del nastro.  I guidacarta sono spostabili su un'asta anteriormente al rullo. Essi non  si troveranno mai nel punto  di battuta perciò non si scriverà su di essi e non si danneggeranno i caratteri. Il dispositivo dell'interlinea è a sinistra, sbloccacarta e sbloccacarrelloa destra e a  sinistra, extramargine a destra marginatori  posteriormente al rullo, dispositivo  del colore  a sinistra sulla carrozzeria. Levette portacaratteri e tasti sono intercambiabili. Ha poggiacarta e 3 diverse interlinee. Il carrello scorre veloce e non è molto rumoroso. La macchina poteva essere  fornita  di  incolonnatore  o di  tabulatore  decimale.  A partire  dal  1921  il  poggiacarta  fu  dotato  di  un'incanalatura  che consentiva di regolare i marginatori dalla parte anteriore.
La Triumph Mod. 10 emesso sul mercato nel 1927, e chiamato dal 1931 Adler Standard, ha l'incolonnatore con sblocco parziale e totale degli arresti; anche il tabulatore decimale può essere fornito con lo stesso dispositivo. I loro cursori sono posti dietro la macchina la quale ha 45 tasti, 5 posizioni di interlinea e pulsante della frizione. Poteva avere 7 carrelli di diverse  dimensioni.
La Triumph Simplex (1930) era un modello più semplice ed economico non avendo nastro bicolore, pulsante della frizione, incolonnatore o tabulatore decimale. Essa in seguito si
poteva completare dei dispositivi mancanti. All'estero si trovano Triumph come quelle descritte chiamate: Edita, Kho-i-noor, Mondiale, Phenix.
La Triump  Mod. 12 (Triumph Standard, Adler Standard, in Danimarca Roy-Type,Tempotype) è un modello nato dalla Triumph precedentemente descritta. In essa è abbandonata la leva in tre parti secondo il tipo della Underwood di Wagner sostituita dalla leva a più parti. Interleva  e martelletto si trovano  sullo stesso piano  di movimento e ciò riduce al minimo perdite per frizione. 
qualsiasi dellLa macchina è chiusa su tutti ilati ed anche le bobine del nastro si trovano sotto la carrozzeria. Ha il trasporto automatico del nastro inoltre il ritorno manuale dello stesso avviene grazie ad una leva situata anteriormente sulla carrozzeria. Nella costruzione della macchina le singole parti vennero riunite in gruppi indipendenti ed inseriti nella struttura della macchina che risulta costituita
dei seguenti gruppi formanti l'intero meccanismo inferiore interno: complesso dei tasti, supporti delle leve ad angolo, segmento e supporto delle interleve, cestello dei  martelletti. Segue il montaggio del pannello di comando, l'inserimento del tabulatore e il montaggio del carrello.
Questo si può sfilare premendo due pulsanti posti sulla parte posteriore della macchina unitamente al rullo e al guidacarta.Il rullo consentel'inserimento in macchina di fogli di 27 cm. L'anima del rullo è un tubo d'acciaio. La corrozzeria è una presso-fusione in alluminio molto robusta che dà alla macchina la necessaria stabilità. Non presenta tensioni in alcuno dei suoi punti ed il montaggio dell'insieme dei tasti, inserito in un supporto di Elektron, non provoca alcuna differenza.

Nel 1928 viene introdotta sul mercato la Triumph portatile chiamata anche  Adler Mod. 31, 32 e 32S, e Scriva in Svezia. Lo spessore della filettatura è identico in tutte le parti della macchina. Ha 44 tasti, 2 trasportatori, fissamiuscole, tasto di  ritorno posto  nella fila dei  numeri a  destra, sbloccamargine a sinistra, ritorno automatico del nastro, dispositivo del colore a destra della tastiera.La macchina consente l'uso di un nastro di lunghezza normale.  Anche qui  i marginatori sono visibili  attraverso un'apertura del  poggiacarta. Questo, leva  e selettore  dell'interlinea, pulsante della frizione sono a sinistra, sbloccacarrello a destra e a sinistra. 
La Triumph-Perfekt introdotta nel 1934 è la stessa macchina dotata però di incolonnatore la cuileva di impostazione si trova anteriormente a destra della carrozzeria. L'incolonnatore è dotato di freno che non interviene sui percorsi brevi  mentre  lavora  su  quelli più  lunghi.
La Triumph-Durabel introdotta nel 1933 è la  portatile Triumph semplificata al prezzo di 188 RM. Pur essendo così economica è dotata di ritorno automatico del nastro.